La Commissione elettorale, espressione del vecchio consiglio d'amministrazione della Fondazione Enasarco, ha nuovamente beffato le direttive del ministero del Lavoro.